Contattaci allo 0583 469456 o scrivici a info@diessecim.it

Consigli per la stampa 3D [2/2]

Consigli per la stampa 3D [2/2]

Nello scorso articolo: Consigli per la stampa 3D [1/2] abbiamo valutato i primi due fattori negativi in fase di studio, elaborazione e stampa 3D.
Nel dettaglio la news precedente:
Analizzare le linee guida del materiale finale
Approfondire la tecnologia di stampa

Consiglio n.3

Attenzione allo spessore della parete

Anche se è possibile reperire le informazioni in materia di spessore delle pareti ci sembra opportuno sottolinearlo ancora una volta.
Le problematiche relative allo spessore della parete rappresentano di gran lunga uno dei principali fattori di errore per cui alcuni tipi di modelli vengono identificati come non stampabili, soprattutto nei casi in cui lo spessore è troppo sottile, in questi casi le pareti arrecano troppo stress interno potrebbero causare la rottura.

Consiglio n.4

Focalizzare l’attenzione sulla risoluzione dei file


Il formato principale utilizzato per la realizzazione di progetti con stampa tridimensionale è STL, questo significa che il disegno viene convertito in piccoli triangoli utilizzando uno spazio 3D.
Nei formati con file STL è possibile individuare la risoluzione desiderata considerando che una risoluzione troppo alta o troppo bassa può causare delle complicazioni.
Il consiglio per definire la tolleranza di esportazione buona e dettagliata è 0,01 millimetri.

Consiglio n.5

Considerare le linee guida del software


Esistono numerosi software di modellazione 3D, classificati per poter soddisfare le richieste dei suoi utenti nelle sue specificità, infatti alcuni di essi sono stati creati per realizzare stampe 3D mentre gli altri vengono perlopiù utilizzati da designer e artisti i quali richiedono diverse modifiche prima di poter mettere a disposizione una tipologia di modello 3D stampabile.Il consiglio per evitare problematiche nella creazione di un modello cavo è sicuramente quello di concentrarsi sulle linee guida del software per convertire il modello in una stampa 3D. Qualora non fosse possibile reperire sufficienti informazioni sui portali ufficiali dei software è sempre possibile attivare delle ricerche di tutorial con esercitazioni nei motori di ricerca.